Neuroscienze applicate al diritto penale – la coscienza

La ricerca scientifica promossa dalle neuroscienze ha permesso l’evoluzione del diritto penale. Il carattere della coscienza, quale fenomeno conoscitivo della realtà, si è vista essere influenzata da fattori che fino a pochi anni fà erano del tutto estranei alle logiche giuridiche penali. La coscienza umana è molto più complessa di quello che si pensasse e viene influenzata da fattori non vincibili dalla volontà del soggetto. Secondo la neurofisiologia la coscienza umana, ciò che l’uomo percepisce del mondo esterno, si forma dopo che il soggetto ha compiuto l’azione. Questa scoperta quale teoria neurocognitiva, ai giuristi, farà ribaltare completamente ciò che fino ad oggi è alla base di del rapporto di accusa e difesa nel processo penale. In sintesi il soggetto che vuole compiere un gesto e lo compie, ne diviene cosciente solo dopo che il gesto l’ha eseguito. Notiamo come la suitas viene, sulla base delle nuove evidenze scientifiche della coscienza umana, totalmente rivisitata dal diritto vivente affinchè sia aggiornata con l’evolversi delle scienze applicate al diritto.

0

Related Posts

Diritti umani e immigrazione…

In materia di immigrazione, nello specifico nel diritto di asilo la Costituzione italiana prevede che lo straniero, al quale sia impedito nel suo Paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite…
Read more

Dal 2021 i servizi…

Con lo sviluppo e l'avvento dell'utilizzo massiccio delle tecnologie digitali in tutto il mondo, è stato necessario regolamentare in Europa l'utilizzo lecito e legittimo dei dati acquisiti dai fornitori di…
Read more